Dnotomista Trash Fansub

ANATOMIA ...proprio quel minuto tagliamento, che si fa delle membra de' corpi umani da' medici, per veder la compositura interna di essi corpi: e quegli, che esercita cotale arte, e detto NOTOMISTA. Qui per simil. Lat. anatomia dissectio
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  Accedi  
***** 20th Century Boys - Chapter 3: Our Flag ***** Amalfi - Megami no hoshu *****

Condividi | 
 

 Nonno Dnoto ho bisogno di un consiglio... anzi due

Andare in basso 
AutoreMessaggio
ilgrandelebowski80

avatar


MessaggioTitolo: Nonno Dnoto ho bisogno di un consiglio... anzi due   Lun Apr 06, 2009 8:38 pm

Sai cosa è successo il 13 Dicembre di non so quale anno a Nanjing (Nanchino, Cina) . Da quello che so dovrebbe esserci un certo Oishi coinvolto in qualcosa...

Nella frase americana sembrerebbe che questo Oishi sia associato ad uno stupro perchè nella frase originale c'è il termine rape!

Aspetto vostro aiuto!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Dnotomista
Admin
avatar


MessaggioTitolo: Re: Nonno Dnoto ho bisogno di un consiglio... anzi due   Lun Apr 06, 2009 8:58 pm

Ti posto questo bell'articolo che fa proprio al caso tuo...
Citazione :

Anniversario del Massacro di Nanjing
13 dicembre 2007- Oggi, la città di Nan Jing commemora il 70° anniversario della tragedia più disumana della storia moderna della Cina, il cosidetto "Massacro di Nan Jing"..


Nan Jing, è una delle quattro capitali dell'antica Cina, una delle città che ha accompagnato il percorso della vecchia Cina, ma è anche la città che diede la nascita alle più importanti imprese dell'odierna Cina e infine è la città che possiede il gemellaggio con la bellissima Firenze.
Nel 13 dicembre 1937 Nan Jing, la capitale della Repubblica Cinese sotto il governo del partito Nazionalista di Jiang Jie Shi, venne occupata dalle truppe nipponiche che avevano scatenato un attacco violento e continuo sulla città. I nipponici riuscirono a cacciar via la milizia cinese sull'altra riva del Chang Jiang il 12 dicembre 1937. In sette settimane, le vittime del massacro sfiorarono 300.000 morti o forse di più. E’ solo grazie a molti "eroi" stranieri, che molti superstiti e vittime sono sopravvissuti. Tuttora Nan Jing è riconoscente a questi "eroi".

"Probabilmente, oggi non vi è nessun reato che non è stato commesso in questa città. Trenta ragazze sono stata prelevate dalla scuola di lingue la notte scorsa, e oggi ho ascoltato i racconti strazianti di ragazze che sono state portate via dalle loro case - tra queste vi è una ragazza di 12 anni. Cibo, biancheria da letto e denaro hanno portato via tutto. Mi sembra che la porta di ogni casa in questa città sia stata aperta e ripetutamente derubata. Stasera ho visto un'auto che trasportava 8 o 10 ragazze, quando era passato davanti a noi ho sentito le ragazze che urlavano - aiuto, aiuto! - . Gli spari che si sentono provenire dalle strade e dalle montagne, ci fanno capire che fine tragica hanno incontrato molte persone, probabilmente non sono soldati."

Questo breve testo è tratto dal diario di Wilhelmina (Minnie) Vautrin, una missionaria americana che salvò la vita di molte donne durante il massacro, da ciò si capisce in che disordine era caduta l’intera città di Nan Jing, e tutto questo durò sette settimane.

Un altro "eroe" fu John Rabe, che era un uomo d'affari di origine tedesco. Rabe, benchè membro del nazismo, costituì insieme ad altre persone l'area di sicurezza per i cittadini cinesi durante il massacro, il suo desiderio era anche di far sapere al mondo della tragedia di Nan Jing. Ma fu sequestrato e privato di tutti i suoi beni. Conservò comunque tutto il suo diario, le foto e il video e li portò con sè in Germania per mostrarli a Hitler perchè egli possa interferire con comportamento violento dell'esercito giapponese, è grazie a questi materiali che questo fatto storico viene oggigiorno riconfermato.

Secondo il parere dei nipponici il loro atteggiamento fu nonostante tutto adeguato alla situazione poichè fin da piccoli sono stati abituati a ritenersi superiori alla razza cinese. Questo portò i soldati nipponici a una vera e propria gara per chi decapitasse più cinesi o chi compiesse atti più osceni. Il loro comportamento fu segno di superiorità e di disprezzo verso una popolazione ritenuta inferiore. Gli stessi ufficiali istigarono i propri soldati all'uccisione dei prigionieri cinesi per evitare l'incombenza di gestire migliaia di cinesi arresi. Le torture inflitte ai cinesi e il modo in cui vennero uccisi era alla stregua di sub-umani. I soldati nipponici traerono soddisfazione nel torturare i prigionieri cinesi affinché avessero una morte lenta e dolorosa. Molti di loro spedirono i teschi alle proprie famiglie come segno di vittoria, mentre molti filmarono le stragi e gli stupri come un "ricordo" del viaggio in cina. Inoltre la situazione della dopo guerra fu differente rispetto alla Germania, dove fu reato negare l'olocausto. Per decenni il Giappone cercò di omettere il comportamento dell'esercito nipponico e ancora oggi gli storici osano affermare che la tragedia è dovuta alle minacce dai gruppi nazionalisti di estrema destra. Nel corso degli anni la situazione è leggermente migliorata ma nonostante tutto questa vicenda è ancora omesso nei testi storici nipponico.

Per commemorare il 70°anniversario, Ted Leonsis, vice presidente dell'”America Online”, ha finanziato un documentario realizzato dai due registi Bill Guttentag e Dan Sturman ( gli stessi che hanno prodotto “Twin Towers”) che s'intitola "Nanking" e racconta di un gruppo di stranieri che s'impegnano a salvare le vite umane in quel caos. Contemporaneamente, anche il Giappone ha prodotto un documentario per smentire questa tragedia, addossando la colpa a Jiang Jie Shi che aveva inventato tutto per denigrare i giapponesi.

-Gao DaYou, maschio 60 anni cuoco, domiciliato a zhong hua men wai bao ta gen 105, morto 16/12/1937, luogo in casa, causa di morte fucilato, colpevole esercito giapponese zhong dao bu dui;
-Zhou YongCai, maschio 33 anni, morto 16/12/1937, luogo area per rifugiati, accusato di essere un soldato cinese, portato via dai giapponesi, testimone Zhou Hong Shi, legame madre della vittima;
-Huang LaHong, femmina 8 anni, domiciliato zhong yang men wai wu ban chun, morta e sepolta dicembre 1937, luogo in casa, causa di morte fucilata.

Questi sono i pochi nomi sulla lista rifinita quest'anno, la lista delle vittime del massacro di Nan Jing, ormai i superstiti uno dopo l'altro passano alla miglior vita, ma continueranno a chiedere giustizia finchè un giorno la morte dei loro cari non verrà riconosciuto e confermato ufficialmente da tutti.
Oggi è l'anniversario di quel lontano e triste giorno, giorno in cui migliaia di vite umane sono state stroncate da un massacro sub-umano, ma oggi è sopratutto un giorno da non dimenticare affinchè i posteri non possano commettere gli stessi sbagli e sappiano a che atrocità l'animo umano può arrivare a compiere.

Ireneadler & Gu Ying Ying

_________________
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
ilgrandelebowski80

avatar


MessaggioTitolo: Re: Nonno Dnoto ho bisogno di un consiglio... anzi due   Lun Apr 06, 2009 9:12 pm

Grazie mille per la precisazione.
Ma Oishi che c'entra in tutto questo? Ti spiego lo usano come metro di paragone:
Dicono sei proprio come Oishi di Nanjing? Potrebbe essere un modo di dire?
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Dnotomista
Admin
avatar


MessaggioTitolo: Re: Nonno Dnoto ho bisogno di un consiglio... anzi due   Lun Apr 06, 2009 9:30 pm

Guarda io la vicenda la conosco solo per linee generali...
cercando un po'... mi pare di aver capito che a guidare le truppe giapponesi che hanno perpetrato il massacro ci fossero sei ufficiali.
Il Generale Saburo Kawamura ed il Colonello Masayuki Oishi dovevano essere i più alti in grado ed infatti più tardi verranno condannati alla pena capitale(gli altri quattro si beccheranno il carcere a vita).
Per tornare alla tua frase...
se chi parla vuole dire all'altro che uno stronzo di merda...
"sei proprio come Oishi di Nanjing" ci sta tutta.

_________________
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
ilgrandelebowski80

avatar


MessaggioTitolo: Re: Nonno Dnoto ho bisogno di un consiglio... anzi due   Lun Apr 06, 2009 9:42 pm

Ho capito! Ma che studi hai fatto? Scienze politiche? Grazie per l'aiutone!

PS: Dovresti veramente creare l'angolo con i tuoi consigli!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Dnotomista
Admin
avatar


MessaggioTitolo: Re: Nonno Dnoto ho bisogno di un consiglio... anzi due   Lun Apr 06, 2009 9:49 pm

Citazione :
PS: Dovresti veramente creare l'angolo con i tuoi consigli!

Seeee, come no! Così raccatterei solo figure di mierdas.... lol!
La verità è che la vicenda è tristemente famosa.
Sapendo dove cominciare cercare non è difficile trovare le cose.
Per dirla tutta fino a cinque minuti fa non avevo idea di chi fossero Kawamura e Oishi.

_________________
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
ilgrandelebowski80

avatar


MessaggioTitolo: Re: Nonno Dnoto ho bisogno di un consiglio... anzi due   Lun Apr 06, 2009 10:02 pm

Nonno Dnoto ne sa una più del Drugo!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Nonno Dnoto ho bisogno di un consiglio... anzi due   

Torna in alto Andare in basso
 
Nonno Dnoto ho bisogno di un consiglio... anzi due
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Consiglio per acquisto carro
» Nonno bis.... non bis nonno
» Il Nemico Necessario: i Buoni hanno sempre bisogno dei Cattivi
» consiglio su cosa scegliere 1/8 oppure 1/10
» Traforo - Consiglio acquisto [Risolto --> acquisterò il PROXXON DSH]

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Dnotomista Trash Fansub :: Off Topic-
Andare verso:  
Statistiche